AMBER

  • Genere: Avventura/azione horror
  • Genere: Mystery/Horror
  • Editore: Hue Forest Entertainment
  • Sviluppatore: Hue Forest Entertainment
  • Rilascio: 1996
  • Tipo: 3D P& C in prima persona
  • Lingua: Inglese
  • Età consigliata: 12+
  • Durata: 15-20 ore

 

  • Difficoltà:   
  • Voto di P& C:      

Requisiti minimi richiesti:
Windows 95 – 486 DX2/266 – Scheda video 16 bit – Scheda audio – CDROM 4X – 8 MB RAM – 45 MB su HD

 

Recensione di Aspide Gioconda

LA STORIA

All’inizio del gioco ricevi un’e-mail che ti chiede di controllare l’attività della tua amica Roxanne che sta sperimentando delle apparecchiature per mettersi in contatto con il mondo degli spiriti.
Quando arrivi alla sua casa, trovi Roxanne priva di sensi: evidentemente a causa dei suoi esperimenti: Roxane è rimasta prigioniera del mondo degli spiriti. Tu devi ricostruire l’apparecchiatura e metterti in contatto con i tre fantasmi che infestano la casa e sono morti di morte violenta.
Soltanto placando l’inquietudine di questi spiriti potrai riportare indietro Roxanne.

IL GIOCO

Grafica – Il gioco è un punta e clicca in prima persona tipo Myst, con avanzamento a schermate.
Le immagini occupano la parte centrale dello schermo con una risoluzione 800×600, malgrado questo, la risoluzione è molto chiara e definita. Una grande varietà di locazioni, fra interni ed esterni, tutte molto curate nel dettaglio.
Non ci sono personaggi ma molte animazioni in Quick Time, di grande suggestione, che rendono il gioco immersivo e coinvolgente.

Sonoro – Ottimi I rumori d’ambiente che hanno la capacità di rompere il silenzio assoluto senza turbare l’atmosfera di tensione del gioco.
Voci di fantasmi, sussurri e grida che non eccedono.
La musica interviene solo in certi momenti, senza disturbare.

Enigmi – Il gioco scorre via senza problemi. Gli enigmi sono tutti supportati da indizi piuttosto evidenti e il gioco, più che di enigmi, è fatto di esplorazione dell’ambiente per scoprire ogni piccolo particolare che può essere utile.
Non c’è inventario e i pochi oggetti che si usano si trovano sul luogo stesso.
La soluzione è molto intuitiva e non presenta grandi difficoltà; solo nellì’ultima parte, un labirinto sottomarino, fa esercitare un po’ di pazienza, ma niente di insuperabile.
Nel complesso enigmi originali, ben inseriti nel contesto del gioco ed equilibrati.

Interfaccia – L’interfaccia è molto semplice: una freccia direzionale, avanti, destra, sinistra, alto e basso.
Spostando il mouse in alto, oltre il quadro del gioco, esce il menu tipo Windows dove si può trovare il menu con salvataggi illimitati.

Conclusioni – Un gioco molto apprezzabile, coinvolgente ma giocabile con paurosa distensione e senza problemi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...