AGATHA CHRISTIE – Delitto sotto il sole

  • Genere: Giallo investigativo
  • Editore: Awe Productions
  • Sviluppatore: JoWood
  • Distributore: Atari
  • Rilascio: 2008
  • Tipo: 3D P& C in terza persona
  • Lingua: Inglese sototitoli Italiano
  • Età consigliata: 12+
  • Durata: 15 – 20 ore

 

  • Difficoltà:   
  • Voto di P& C:      

Requisiti minimi richiesti:
OS: Windows® 2000/XP – CPU: 1.4 GHz Pentium® 3 Processor – RAM: 256 MB – Spazio su HD: 1.5 GB – CD/DVD-ROM: 16x – Scheda Video 64 MB DirectX® 9 Compatibile – Scheda audio 16-bit DirectX® Compatibile – Mouse, tastiera, casse.

 

Recensione di Aspide Gioconda

LA STORIA

Poirot racconta ad Hastings un caso in cui si è trovato coinvolto parecchi anni prima, nel 1940 in piena guerra mondiale e lo invita a ripercorrerne insieme a lui lo svolgimento.
Sarà Hasting a guidare Poirot alla soluzione di un caso che ha radici nei secoli passati e ingredienti attuali. In un albergo sulle coste del Devon meridionale soggiorna una varia umanità che nasconde segreti e conflittualità che non sfuggono all’occhio vigile dell’investigatore.
Molti hanno cose da nascondere, affari loschi, attività illecite, relazioni inconfessabili; verranno alla luce storie di fantasmi, covi di contrabbandieri, riti Woodoo, sospetti di spionaggio, la leggenda di un tesoro nascosto e da ultimo un omicidio quasi perfetto. Un quadro d’insieme molto intricato cui solo il grande Poirot saprà dare una spiegazione lucida e razionale nella resa dei conti finale, come si conviene ad ogni buon giallo.
Il gioco si ispira ad un libro di Agatha Christie “Delitto sotto il sole”, trasformato in film con un cast di attori di prim’ordine.

IL GIOCO

Grafica – Il gioco è un punta e clicca in terza persona con grafica 3D a direzione obbligata. Buona grafica ma nella media standard, senza particolari meriti che non siano quelli della chiarezza, della buona definizione e del perfetto funzionamento. E non è poco. Le locazioni sono abbastanza numerose, lo spostamento avviene tramite frecce direzionali obbligate che compaiono sul cursore.
Come dicevo, il gioco non sbalordisce per la definizione e l’accuratezza dei dettagli, tuttavia gli ambienti sia interni che esterni, sono resi con una certa accuratezza che li rende piacevoli.
I molti personaggi sono ben caratterizzati anche se solo pochi si possono vedere in primo piano e non brillano per scioltezza di movimenti.
C’è da notare la camminata di Poirot a passetti stretti e rapidi come siamo abituati a vederlo nell’iconografia classica e come del resto lo immaginiamo dalla lettura delle sue storie.
Le transizioni da una schermata all’altra sono rapide se si clicca sul margine dello schermo e il gioco ne risulta assai alleggerito. I comandi hanno sempre risposto puntualmente e con rapidità, non si sono riscontrati difetti nel funzionamento.

Sonoro – Una musica di fondo che interviene a tratti, ritmata e piacevole. Rumori essenziali e realistici.

Enigmi – Il gioco consiste in un’attività investigativa nella quale è necessario interrogare sempre tutti i personaggi, reperire materiali, verificarli, scoprire nuovi luoghi, esaminare i documenti e via dicendo.
Ci sono sostanzialmente 2 enigmi, uno è quello della scatola dei segni zodiacali, uno si trova alla fine del gioco e consiste nella scoperta di un codice che si desume da un libro.
Per il resto si può tranquillamente giocare senza particolari apprensioni in quanto si trova sempre il modo di andare avanti. Il cursore aiuta nell’indicare gli oggetti che si possono prendere e dove usarli. Ci sono alcune manipolazioni d’inventario e alcune prove chimiche da fare, ma niente paura, non è necessario conoscere la materia perché avviene tutto quasi automaticamente.
E’ importante esaurire i dialoghi e dare alcune risposte giuste quando è il momento.
Probabilmente la parte più difficoltosa viene alla fine, quando Poirot fa ad Hastings una serie di domande sugli indizi raccolti, per cui consiglio di salvare il gioco al momento più opportuno.

Interfaccia – Molto semplice ed intuitiva. Spostando il cursore in alto si accede alla barra degli strumenti; da qui si entra nel menu principale con salvataggi infiniti , opzioni ecc, all’inventario, all’icona di Hastings, ai documenti.
Per aprire l’inventario si clicca sul tasto destro del mouse. Per vedere da vicino un oggetto in inventario ci si clicca sopra 2 volte.

Conclusioni – A mio avviso il più divertente e ben fatto dei giochi ispirati da Agatha Christie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...