ACE VENTURA

  • Genere: Cartoni umoristico
  • Editore: Arachnid Interactive
  • Sviluppatore: Arachnid Interactive
  • Rilascio: 2005
  • Tipo: 2D/3D P& C in terza persona
  • Lingua: Inglese
  • Età consigliata: 16+
  • Durata: 10-15 ore

 

  • Difficoltà:   
  • Voto di P& C:     

Requisiti minimi richiesti:
PC: Processore 486/33 o sup.- RAM 8 MB – CDROM 2X – Scheda grafica VGA 256 colori – Scheda Audio SB compatibile

 

Recensione di Aspide Gioconda

LA STORIA

Vestito in modo sgargiante, con le sue camicie hawayane, col suo ciuffo alla Elvis, le sue urla, le sue smorfie, i suoi salti, Ace sprizza ottimismo da tutti i pori.
L’appartamento di Ace è un serraglio con i più svariati tipi di animali messi ovunque e per difendere i suoi amici pelosi, il nostro eroe non esiterà a balzare da una parte all’altra del mondo, dai fondali sottomarini alla Baviera, all’Alaska, dovunque sfidando con sfacciata leggerezza i pericoli e le difficoltà.
Sulla storia non c’è molto altro da dire perché, come negli omonimi films, la storia è solo un contenitore fatto ad hoc per esibire la comicità demenziale e morfologica del protagonista.
Detto questo, il gioco è una buona occasione sprecata. Come tutti i videogiochi derivati da films di successo, gli sviluppatori hanno contato più sull’effetto traino che sulla sostanza del gioco in sé pensando forse che il successo del film avrebbe indotto inevitabilmente il soccesso.

IL GIOCO

Grafica – E’ coloratissima, buone le animazioni, lo stile è fumettistico con scarsa profondità e in conclusione il gioco punta molto sull’apparenza ma pecca altrettanto di sostanza e può essere adatto al divertimento di bambini e ragazzi.

Sonoro – Doppiaggio ad hoc, molto estroverso e a suo modo divertente.

Enigmi – A suo tempo il film fu criticato perché si accusava Jim Carrey di essere ricorso a tutte le smorfie e le contorsioni del viso per nascondere le carenze della sceneggiatura e dei contenuti: il gioco non è da meno. A chi piace l’umorismo demenziale è servito.
Nell’azione si riscontra una scarsa interattività, nel senso che le scelte sono obbligate, c’è poca manovrabilità da parte del giocatore e questo toglie molto del divertimento che ci si dovrebbe aspettare da un gioco d’avventura.
Nel risolvere gli enigmi di questo gioco non vi sentirete particolarmente intelligenti perché la maggior pèarte sono piuttosto semplici e lineari, quasi ovvi. Altri invece presentano difficoltà perché richiedono SOLUZIONE E RECENSIONE del tutto cervellotiche, senza nesso logico tra causa ed effetto.

Interfaccia – Il gioco è un classico punta e clicca con cursore che si attiva sui punti sensibili.
Nell’inventario si può interagire con gli oggetti che per altro sono pochi, ma ciò che lascia più perplessi è la tecnica usata per i salvataggi e per il ripristono. Infatti il gioco salva in automatico ma una volta ripristinato bisogna ricominciare tutta l’azione fatta in precedenza.

Conclusioni – Un gioco da fare in compagnia dei più piccoli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...