DEATH GATE

  • Genere: Fantasy
  • Editore: Legend Entertainment
  • Sviluppatore: Legend Entertainment
  • Rilascio: 1994
  • Tipo: 2D/3D P & C in prima persona
  • Lingua: Inglese
  • Età consigliata: 10+
  • Durata: 15-18 ore

 

  • Difficoltà:   
  • Voto di P& C:      

Requisiti minimi richiesti:
386-SX 25MHz o superiore – MS-DOS 3.3 or superiore – Min 640 KB di memoria – Hard disk – Scheda grafica VGA 256 colori – Scheda audio Sound Blaster or 100% compatibile – Mouse 100% compatibile Microsoft

 

Recensione di Aspide Gioconda

LA STORIA

Nonostante il nome, questo è un gioco d’avventura non violento.
2000 anni fa, quando i Sartans dominarono la Terra, decisero di rompere il sigillo del mondo e dividere la Terra in cinque reami perché temevano di non poter controllare i potentissimi maghi di Patryn.
I primi quattro reami furono fatti ciascuno di un elemento: aria, acqua, pietra e fuoco e vi fecero vivere gli gnomi. Il quinto era una prigione chiamata il Labirinto che serviva a riabilitare i Patryns.
Il protagonista è Halpo, un giovane Patryn che è appena scappato dal Labirinto con l’aiuto del Dio Xar. La Sua missione è recuperare le cinque parti del sigillo del mondo sparse nei quattro reami. Questo permetterà al Dio Xar di riforgiare il mondo e vendicarsi dei Sartans.
Per compiere la tua missione deve viaggiare di reame in reame attraverso il Death Gate, deve imparare il segreto di ogni reame, fare le domande ai personaggi giusti e difendersi da molti incantesimi.
E’ un viaggio iniziatico in cui Patryn parte come un ragazzo ingenuo e attraverso le persone, le conoscenze, le esperienze che incontrerà nel suo viaggio, diventerà un uomo.

IL GIOCO

Grafica – La prima cosa che si vede è una bella animazione (consiglio di scegliere l’opzione SVGA invece che VGA) e tutte le animazioni, aiutate dal 3D, sono molto piacevoli e fluide.
Le locazioni sono numerose, oltre 40, tutte dettagliate e con sfondi molto curati.

Sonoro – I dialoghi abbondano ma la musica è molto buona. Si può abilitare o disabilitare il parlato e tenere solo i sottotitoli.

Enigmi – Il gioco è lineare, una volta andati avanti non si può più tornare indietro, quindi bisogna fare molta attenzione a prendere gli oggetti necessari.
La durata è abbastanza lunga in quanto bisogna visitare ogni reame con i suoi enigmi e i suoi problemi.
Gli enigmi inizialmente sono semplici e le difficoltà aumentano col progredire del gioco, a volte ingannevoli, richiedono un’attenta riflessione. Bisogna esaminare accuratamente ogni stanza ed ogni schermata per non farsi sfuggire oggetti ed indizi e parlare sempre con tutti per trovare informazioni.
Nel gioco si debbono fare anche incantesimi: quando serve fare una magia, bisogna disegnare una runa nell’aria.
Queste rune sono fatte da un insieme di pietre magiche che danno luogo a belle animazioni.
Si può morire ma c’è la possibilità di retrocedere dall’ultima azione sbagliata.

Interfaccia – L’interfaccia è abbastanza semplice da usare: c’è una scelta di verbi tipo “prendi” e “apri” che si attivano cliccandoci. Per gli oggetti speciali o le persone, ci sono altre scelte quali: “attiva”, “usa” e “parla a”.
C’è una bussola al fondo dello schermo che indica (in verde) le possibili direzioni. Una scelta permette di usare la mappa, in modo che non c’è bisogno di memorizzare luoghi.
Chi ne ha bisogno, dispone anche di un aiuto.

Conclusioni – Un’avventura classica piacevole, con una buona grafica, una storia articolata ed enigmi non molto difficili.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...