CONQUEST OF CAMELOT

  • Genere: Fantasy medievale
  • Azione: Si
  • Editore: Origin Systems, Inc
  • Sviluppatore: Origin Systems, Inc
  • Rilascio: 1989
  • Tipo: 2D in terza persona -Tastiera-mouse
  • Lingua: Inglese
  • Età consigliata: 10+
  • Durata: 10 ore

 

  • Difficoltà:   
  • Voto di P& C:      

Requisiti minimi richiesti:
Dos -EGA – Tastiera – mouse

 

Recensione

Re Arthur ha due missioni da compiere per salvare il regno: ritrovare il Graal ed i tre cavalieri Lancillotto, Gawaine e Galahad che non sono ritornati dalla ricerca del sacro calice.
La ricerca del Graal comincia perché il regno sta precipitando verso la distruzione dovuta a carestia e siccità e il Graal è l’unica cosa che può salvare la sua gente. La storia è raccontata nell’intro ed il gioco comincia quando Artù sta per iniziare il suo viaggio a Camelot.
Il gioco usa un motore SCI classico e grafiche EGA a 16 colori di ottima qualità; sfondi riccamente dettagliati, molte scene animate e sequenze superiori di altri EGA contemporanei.
La musica è molto buona, a carattere medievale e accompagna tutto il gioco.
Prima di iniziare il viaggio si dovranno fare alcune cose nel castello: visitare Merlino, salutare la regina Ginevra, consultarsi con gli dei per conoscere la sorte dei tre cavalieri.
Uscito dal castello, Artù viaggerà su una mappa, parlerà con i vari personaggi, combatterà con i nemici.
La prima parte del gioco si svolge Inghilterra, tra foreste buie e pericolose, monasteri e manieri, la seconda a Gerusalemme in territori polverosi ed esotici dove Artù non è un re ma un viaggiatore in una terra piena di insidie.
Artù potrà avvalersi dell’aiuto di Merlino e richiamarlo durante il gioco per avere informazioni e aiuti.
In questo gioco si muore davvero facilmente, non solo perché si perde un duello ma anche perché si dimentica di prendere qualcosa. Anche settando l’opzione di “facile” non è affatto facile vincere i duelli.
Bisogna salvare spesso, è l’unico modo per terminare il gioco. Purtroppo questa è una caratteristica dei giochi Sierra.
I movimenti sono gestiti dal mouse e le azioni con il parser dei comandi.
Un gioco vecchio ma piacevole per storia ed ambientazione, anche se piuttosto breve.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...