COLD CASE FILES

  • Genere: Investigazione scientifica
  • Editore: Activision Value
  • Sviluppatore: Gunnar Games
  • Rilascio: 2004
  • Tipo: 3D P & C in prima persona
  • Lingua: Inglese
  • Età consigliata: 12+
  • Durata: 3 ore

 

  • Difficoltà:   
  • Voto di P& C:      

Requisiti minimi richiesti:
Windows 98/ME/2000″XP – Pentium III 500 MhZ – DirectX 9.0 – 128 MB Ram – 400 MB su HD – Scheda grafica 16 MB DirectX compatibile – Scheda audio DirectX compatibile – Mouse – Tastiera

 

Recensione di Aspide Gioconda

LA STORIA

Sei casi irrisolti da riesumare e portare a giusto compimento.
Sei casi dai titoli intriganti: Il delitto del motel, L’amico scomparso ecc.. che di risolvono letteralmente in una bolla di sapone. Infatti, risolto un caso (il massimo del tempo che occorre anche ai più sprovveduti è una ventina di minuti) la storia resta così lacunosa che ci sentiamo presi in giro dagli autori.
Il gioco si termina al massimo in tre ore, un autentico flop innescato dal traino pubblicitario dei telefilm polizieschi a sfondo scientifico che vanno per la maggiore.
Gli autori hanno avuto anche il coraggio di proporre un settimo caso da scaricare in rete e se tanto mi dà tanto, è maggiore il tempo che si impiegherà a scaricarlo di quello che occorrerà per risolverlo.

IL GIOCO

Grafica – La grafica è standard, chiara e senza altri meriti; le locazioni sono poche e sempre le stesse: uffici di polizia, strade, luogo del delitto e poco più. I fondali sono statici così come i personaggi (che si assomigliano un po’ tutti) la cui massima espressività consiste nel muovere qualche arto e “pipinare” ripetutamente con le labbra senza alcun rispetto per il sincrono del parlato.

Sonoro – Una musica ritmata fa da sfondo a tutto il gioco; in quanto doppiaggio, toni freddi e didascalici di chi legge piuttosto che recitare.

Enigmi – In quanto agli enigmi… beh, semplicemente, non ce ne sono.
All’inizio di ogni caso il capo investigativo ti assegna il caso (il gioco si svolge in prima persona).
Vai in ufficio, guardi la pratica, vai in laboratorio, vai in archivio, vai sul luogo del delitto… non devi pensare a nulla, basta che clicchi qui e là, sempre sulle stesse cose, il gioco si risolve praticamente da solo.
Il giocatore non ha scelta, non ha dubbi sulle azioni da fare, è tutto già predisposto ad usum delphini : persino nei dialoghi con i sospettati, non importa se fai prima una domanda o l’altra, va tutto bene, fai tutte le domande e via. Vai negli stessi posti, ripeti le stesse azioni per tutti i sei casi e il gioco è risolto.
Si può dunque parlare di enigmi? No, piuttosto di presa in giro nei confronti di chi acquista un gioco pensando di trascorrervi un congruo numero di ore di sano divertimento (e non si dica che se il gioco ha un prezzo basso tutto si può giustificare…).

Interfaccia – L’interfaccia consiste in un riquadro in basso a sinistra dove si può accedere ai luoghi diciamo “fissi”, del gioco: l’ufficio, la stanza del capo, il laboratorio, i messaggi. Su una bacheca compaiono delle foto attraverso le quali si accede in luoghi diversi caso per caso.
Al menu si accede sia con il tasto “esc” che attraverso un monitor posto nell’ufficio.
I salvataggi avvengono in automatico e una volta risolto un caso non è possibile riprendere un salvataggio di un caso precedente, bisogna iniziarlo daccapo.

Conclusioni – In conclusione: destinate i vostri soldi a qualcosa di più meritevole.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...