I MISTERI DI MAGGIA

  • Genere: Avventura esplorativa
  • Editore: Stelex Software
  • Sviluppatore: Stelex Software
  • Rilascio: 2004
  • Tipo: 2D P & C in prima persona
  • Lingua: Italiano
  • Età consigliata: 12+
  • Durata: 20-25 ore
  • Gioco gratuito: Download
  • Difficoltà:   
  • Valutazione giochi amatoriali:   
  • Requisiti minimi richiesti:
    Win 98/ME/2000/XP – Proc. Pentium 233 – RAM 64 MB – Scheda video SVGA – Scheda audio – 400 MB su HD – Tastiera – Mouse

Recensione di Aspide Gioconda

LA STORIA

Il personaggio, impersonato dal giocatore stesso, arriva a Maggia, in una casa ereditata dallo zio defunto. Leggendo notizie sulla località, scopre che i Templari in fuga scelsero proprio quel paesino per nascondere il proprio tesoro e ne inizia la ricerca.
Su questo esile e diciamolo pure, trito e ritrito argomento, si basa tutta la storia che è solo enunciata all’inizio del gioco e lì finisce senza alcuno sviluppo se non l’epilogo, che dovrebbe essere una sorpresa, ma che in realtà si rivela una fantastica presa per i fondelli nei confronti del giocatore che ha sudato le classiche 7 camicie per arrivarci.

IL GIOCO

Grafica – Il gioco, in prima persona, è costituito da uno slider fotografico: sullo schermo scorrono immagini della bella località di Maggia nel Canton Ticino, ripresa in tutti i suoi particolari, percorribile tramite frecce direzionali.
Una quantità sovrabbondante di frecce che non si limitano ad destra, sinistra, avanti, indietro ma si inclinano in ogni direzione riuscendo a confondere l’orientamento anche del più esperto navigatore.
In questo tripudio di direzioni è molto facile perdersi e girare a vuoto. Le mappe messe a disposizione sono minimali e scarsamente leggibili, perciò bisogna camminare per migliaia di clic e prendere confidenza con il paese, nolenti o volenti.
Sarebbe stata invece molto utile una mappa interattiva per risparmiare al giocatore la ripetitività dei percorsi. Le immagini sono di discreta qualità mentre i pochi filmati presenti sono pressoché inguardabili.
Il gioco ha funzionato per lo più correttamente, ma in un paio di occasioni è stato necessario resettare il pc perdendo tutti i vantaggi conseguiti: infatti durante la soluzione di alcuni enigmi scompare la barra dell’inventario rendendo impossibile ogni azione.

Sonoro – Le musiche sono in gran parte riprese dal repertorio classico : Beethoven, Albinoni, Vivaldi, musiche per clavicembalo e per liuto che creano una certa atmosfera “sacrale”, visto il tema del gioco.
Il doppiaggio si limita a pochissimi interventi dei pochissimi personaggi che interagiscono ed è evidentemente amatoriale.

Enigmi – Gli estenuanti andirivieni per l’amena località (di cui ormai conosciamo anche i sassi) sono compensati dall’originalità degli enigmi e dal lavoro di ricerca ben congegnato dagli autori.
Enigmi vari che vanno dalla decrittazione di documenti, all’elaborazione di oggetti di inventario, tutti abbastanza logici e congrui al gioco.
Certo, qualche discrepanza qua e là c’è scappata, ma insomma, nei giochi tutto è permesso (o quasi).
In qualche caso l’enigma è a tempo e c’è pericolo di morte, ma di solito c’è tempo per capire cosa fare.

Interfaccia – Si accede all’inventario spostando il cursore sulla linguetta in alto a sinistra e gli oggetti si usano trascinandoli sulla schermata.
Con il tasto destro del mouse si accede al menu salvataggi (illimitati) e ripristino.
Il gioco si guida interamente da mouse salvo quando bisogna digitare le risposte ai quiz.

Conclusioni – Come “Un tranquillo weekend a Capri” anche Maggia sembra concepito sulla spinta di una promozione turistica della Pro loco.
Senza nulla togliere al valore di questi giochi amatoriali che sono di tutto rispetto, andrebbe però tenuto presente che l’eccesso di immagini costringe il giocatore ad un eccesso di movimenti che alla fine vengono a noia, tanto che sembra più importante agli autori far scoprire anche il più recondito sasso del luogo che dare corpo ad una storia almeno accettabile.
Il consiglio, se ci sarà un seguito, è: diminuite gli scatti e quindi i clic del mouse, siate più sobri nelle cartoline turistiche e date un maggiore sviluppo alla storia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...