FAUST – I 7 giochi dell’anima

  • Genere: Horror surreale
  • Editore: Cyan
  • Sviluppatore: Arxel Tribel
  • Rilascio: 1999
  • Tipo: 3D P & C in prima persona
  • Lingua: Italiano
  • Età consigliata: 14+
  • Durata: 25-30 ore

 

  • Difficoltà:   
  • Voto di P& C:      

Requisiti minimi richiesti:
Pc pentium 166 (cons. 200) – Win 95 e superiori – 16 MB Ram (32 con Win 98) – Scheda video 56.000 colori – Scheda audio 16 bit – CD ROM 16X – Mouse

 

Recensione di Aspide Gioconda

LA STORIA

L’avventura si svolge in un parco giochi abbandonato, Dreamland, che aveva funzionato dagli anni ’20 fino alle soglie degli anni ’69 e fu chiuso alla morte del suo proprietario Thomas More.
Marcellus Faust, vecchioo custode del Parco, vi viene condotto da Mefistofele (per gli amici solo Mefisto) che gli spiega il motivo della sua presenza; Mefisto e il Capo hanno una divergenza sulla destinazione delle aniome che un tempo vissero a Dreamland: l’uno li vorrebbe con sé all’inferno, l’altro non è convinto che meritino la dannazione eterna, così hanno deciso di affidare il giudizio ad un arbitro imparziale, Faust, appunto.
A Marcellus è stata cancellata la memoria del passato, quindi sarà “vergine” davanti agli eventi che andrà via via scoprendo.
Le anime da giudicare sono 7, ciascuna legata ad un peccato capitale.
Marcellus viene così proiettato nel tempo ad esplorare i luoghi in cui vissero questi personaggi, scoprendone i segreti, le virtù e le malefatte.
Nel primo episodio conosceremo le gemelle siamesi Lily e Jody, strozzine che cercano di incastrare il bel domatore Hannibal
Nel secondo episodio conosceremo un famoso scienziato, Nathaniel Meister, colui che ha disegnato il parco ma che nasconde un grande segreto.
Nel terzo avremo a che fare con Frank Barnes “L’uomo in maschera” del parco e le sue strane vicende. “uomo residente del parco nella maschera.”
Nel quarto episodio scopriremo la storia di Kalinka Vissotsky una bellezza russa contesa dai maschietti del parco. Nel quinto episodio vedremo le malefatte di Hannibal, domatore prepotente e ubriacone.
Nel sesto episodio ci sarà Tod Von Essenbeck un nano nato da una facoltosa e aristocreatica famiglia austriaca che lo ha rifiutato e che riesce a vincere sulla prepotenza altrui.
Nel settimo, infine, conosceremo la tenera donna cannone, angustiata dalla sua mole che non le permette una vita normale.
Le storie di questi personaggi si intrecciano e interagiscono tra loro completandosi in un unico filo conduttore narrativo che evidenzia una grossa abilità nella sceneggiatura e nello sviluppo.
Il gioco ha 2 finali in cui scopriremo il vero scopo di Mefisto che, anche se a fin di bene, ha leggermente ingannato il buon Marcellus Faust.
Può sembrare ridicolo con quello che si vede al giorno d’oggi, ma per dovere di cronoca debbo far presente che a causa di scene e di situazioni particolari, il gioco non è adatto ad una fascia troppo giovane.

IL GIOCO

Grafica

– Bella la grafica in 3D in prima persona, con rotazione a 360° e movimento direzionale obbligato.
Curata nei dettagli, ricca di scenografie diverse, di locazioni originali e dettagliate nei particolari sia negli esterni che negli interni, con un’ambientazione a volte surreale che evoca egregiamente il senso di mistero aleggiante intorno al parco giochi; alcune locazioni sono piuttosto scure ma non tanto da impedire la visibilità anche se è resa più difficile.
Il pezzo forte della grafica sono i personaggi e le numerose animazioni che si intromettono nel gioco con rapidi ma efficaci flash back, con interessanti filmati, non di grande qualità, in verità, ma di sicuro effetto narrativo. Mefisto forse gesticola eccessivamente e risulta enfatico ma la sua brutta faccia e senza dubbio intonata al tono sardonico del personaggio.
Le figure sono numerose, tutte molto ben caratterizzate sia nell’aspetto grafico che nel contesto dei dialoghi. Il gioco, a causa delle molte animazioni, si compone di 4 cd ma per fortuna si cambiano raramente.

Sonoro

– Il gioco è doppiato con sottotitoli in italiano.
Il doppiaggio è ottimo così come le musiche,un misto di jazz e di blues che fanno da sottofondo piacevole senza infastidire. Rumori d’ambiente buoni ed essenziali.

Enigmi

– Il gioco è un puntaeclicca puro, prevalentemente lineare.
Nelle sette locazioni si trovano enigmi di vari livelli e qualche volta bisogna cercare molto bene anche nelle zone più buie per trovare un indizio, osservare tutto e non lasciarsi sfuggire nulla.
C’è un buon equilibrio tra l’attività di ricerca e di uso degli oggetti ed enigmi veri e propriò Di solito gli oggetti si usano nel luogo stesso in cui si sono trovati e la stessa cosa vale per gli indizi che servono a risolvere gli enigmi.
Il gioco non è facile ma sicuramente appasiona perché gli enigmi sono logici e molto ben ideati. Nulla di stressante come labirinti o giochini che fanno perdere la pazienza; anche quando la soluzione è casuale, come nel giochino delle tigri, non ci vuole molto per riuscire a risolverli.
La parte più complessa sta forse nella camera da letto del mappamondo che racchiude diversi enigmi collegati tra di loro.
Ad un certo punto del gioco si potrà disporre dell’aiuto di Homunculus, un personaggio in miniatura che avrà il compito di accedere dove a noi sarà impossibile ma che non sarà di molto aiuto per la soluzione degli enigmi.
Il gioco è abbastanza lungo e praticamente ad ogni locazione (e sono tante) ci si trova di fronte ad un problema da risolvere e non si può avanzare se non si sono compiute tutte le azioni necessarie.

Interfaccia

– Nel menu generale possiamo trovare, oltre alle funzioni di salvataggiom caricamento, opzioni ecc, una serie di optional che comprendono i filmati, i personaggi della storia ecc..
I salvataggi sono una decina e paiono sufficienti.
Il gioco si governa interament da mouse, con il tasto destro si richiama l’inventario dove troviamo anche il pulsante del menu.

Conclusioni

– Un gran bel gioco, di grande atmosfera, con una bella storia coinvolgente ed interessante, lungo e difficile quanto basta per molte ore di divertimento assicurato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...