LAW & ORDER 3 – Justice is served

  • Genere: Investigazione scientifica
  • Editore: Vivendi Games
  • Sviluppatore: Legacy Interactive
  • Rilascio: 2004
  • Tipo: 3D P & C in prima persona
  • Lingua: Italiano (sottotitoli)
  • Età consigliata: 13+
  • Durata: 13-15 ore

 

  • Difficoltà:   
  • Voto di P& C:      

Requisiti minimi richiesti:
Windows 98/2000/Me/XP – Pentium III 600 MHz or equivalente – 128 MB RAM CD ROM 12 x – 1.5 GB su HD – Scheda video 16 MB – Scheda audio compatibile DirectX 7.

 

Recensione di Aspide Gioconda

LA STORIA

Elena Kusarova è una giovane campionessa di tennis che ha davanti un luminoso avvenire; purtroppo viene trovata cadavere negli spogliatoi e qui iniziano le investigazioni di Lenny Briscoe e di tutto il dipartimento di polizia che conosciamo dalla famosa serie televisiva che gode di grande successo da molti anni.
L’indagine coinvolgerà molti personaggi che conosceremo attraverso gli interrogatori e tra i quali si dovrà individuare quello da portare in giudizio grazie agli indizi raccolti.
Il gioco, il terzo della serie) mantiene la linea degli episodi precedenti (Dead on the Money e Double or Nothing) innovando solo l’aspetto dell’interfaccia e naturalmente la tecnica grafica generale.

IL GIOCO

Grafica – Il gioco è un punta e clicca 3D con visuale a 360°. I miglioramenti rispetto alle precedenti edizioni sono evidenti, sia nella qualità delle immagini che nei filmati, fluidi e di taglio televisivo.
Gli ambienti visitati, disegnati con sfondi 2D , hanno una propria dignità, chiari e decorosi, funzionali alle esigenze del gioco: appartamenti, stazione di polizia , luoghi da perquisire, tribunale ecc, ma non bisogna aspettarsi nulla di sorprendente.
La parte del leone la fanno i personaggi, assai numerosi, che rivestono ruoli più o meno importanti nel gioco. La struttura fisica delle persone è più verosimile, i movimenti più naturali, le fisionomie più realistiche rispetto agli episodi precedenti.
Le animazioni intervengono solitamente alla conclusione di una fase del gioco che prelude ad uno sviluppo della storia. Nel complesso sono buone e abbastanza definite, considerato anche il fatto che la risoluzione richiesta è di 800 x 600.

Sonoro – A parte il doppiaggio, con buona sincronizzazione del parlato, gli effetti sonori sono ridotti al minimo indispensabile. Musica rada con il classico suono caratteristico della serie televisiva.

Enigmi – Il gioco si divide sostanzialmente in die parti: una prima parte in cui l’investigatore deve raccogliere indizi, sottoporli ad analisi di laboratorio o di ricerca e da essi dedurre quale, tra gli indiziati, proporre per l’arresto.
Nella seconda parte l’avvocato dell’accusa condurrà il processo esibendo prove e testimoni a carico e facendo obiezioni alle domande della difesa. Se sarà abbastanza abile riuscirà ad ottenere il rinvio a giudizio dellì’imputato.
Ci sarà un’ulteriore fase di indagini e quindi il processo con la sentenza definitiva. Il corpo del gioco consiste quindi nell’interrogare gli indiziati in modo da ottenere le risposte che aprono nuovi sviluppi all’indagine. Scegliere i reperti da sottoporre ad analisi e ricerca o i personaggi da sottoporre a sorveglianza, esaminare ogni volta i risultati e da tutto questo decidere chi dovrà essere arrestato e con quali prove a supporto.
Questa tecnica investigativa non è difficile da giocare, direi piuttosto che richiede una certa ripetitività ; se infatti non si riesce a capire (e non si capisce) chi bisogna imputare o come condurre gli interrogatori o come bloccare le domande dell’avvocato della difesa, l’unica strada è di salvare e tentare la sorte, la qual cosa come è comprensibile, diventa dispersiva di tempo e di interesse.
In questo gioco gli sviluppatori sono stati più generosi di enigmi, il che rende il gioco un poco più divertente dei precedenti. Nessuno di questi enigmi richiede grandi sforzi intellettivi, per essere risolto: sono quasi tutti molto semplici; solo uno mi è sembrato un po’ più impegnativo e precisamente quello della macchina da scrivere.
Il gioco, pur essendo abbastanza lungo, si risolve in poco più di 10 ore, escluse le perdite di tempo previste e impreviste.

Interfaccia – Migliorata rispetto agli episodi precedenti. La gestione dell’archivio indizi (Laboratorio, ricerca ecc) avviene nella schermata, tramite cartelle visualizzate su un tavolo e non più inserito nell’interfaccia che ora non mischia oggetti e personaggi.
Gli spazi di salvataggio sono solo 11 e bisogna sovrascriverli.

Conclusioni – Per gli appassionati della serie televisiva sarà senza dubbio un divertimento cimentarsi in questo gioco; non altrettanto, credo, per gli appassionati di avventure classiche che lo troveranno meno interessante.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...