LA DINASTIA FANTASMA

  • Genere: Fantasy
  • Editore: Topware informatica
  • Sviluppatore: Pixel Informatica
  • Rilascio: 1998
  • Tipo: 3D P & C in prima persona
  • Lingua: Italiano
  • Età consigliata: 10+
  • Durata: 10-12 ore

 

  • Difficoltà:   
  • Voto di P& C:      

Requisiti minimi richiesti:
Pc 386/486/pentium con minimo 610 kb Ram disponibili – Dos/Win 3.1 – 16 Mb Ram – Scheda video VGA – Scheda audio – Mouse

 

Recensione di Aspide Gioconda

LA STORIA

Impersoni un archeologo che ha un incubo ricorrente. Nel corso di uno di questi incubi gli viene consegnata una pergamena e va alla ricerca della tomba di un faraone che imprigiona le anime e vuole rivivere.
Francamente dal gioco non si capisce più di questo.
L’installazione di questo gioco può presentare dei problemi di compatibilità. Sul sito http://www.pixelcartoon.it si possono trovare delle patches

IL GIOCO

Grafica – Si tratta di un gioco punta e clicca con avanzamento a schermate fisse. La grafica appare, per così dire, un po’ “casereccia”: le immagini sono sgranate anche aumentando la risoluzione, ancora peggio le poche animazioni che si presentano assolutamente nebbiose e indistinte.
Il motore grafico è lento e tutt’altro che pronto di riflessi quando si compie un’azione. Si sono notate imprecisioni nella rispondenza alle azioni compiute come ad esempio quando si risolve il puzzle non c’è una pronta esecuzione della conseguenza ma talvolta bisogna riprovare una seconda volta per mandarlo ad effetto.
Gli ambienti, sia che si tratti di edifici sia che si tratti del mondo egizio, sono descritti in modo spartano, con scarsa cura dei particolari o del superfluo che fa bella una coreografia.
Gli interpreti dei vari personaggi sono reali ma talvolta proposti in modo poco credibile: un faraone con la barba e con quella barba è iconograficamente improponibile e ancor più un faraone che gesticola come un venditore ambulante di tappetini.

Sonoro – Difficile giudicare un sonoro che si percepisce appena.

Enigmi – Qualche puzzle, l’immancabile labirinto, qualche pannello da sistemare, il tutto molto semplice. Gli indizi vengono raccolti strada facendo e sono tutti piuttosto evidenti. Non vi sono difficoltà oggettive per quanto riguarda la loro soluzione, direi che la maggiore difficoltà sta nel gestire i movimenti. Insomma, è difficile capire perché il semplice voltarsi indietro provochi addirittura l’uscita dal sito in cui ci si trova.

Interfaccia – Tutto si trova in evidenza. Lo schermo attivo è rimpicciolito da una grande cornice su cui si trovano, in alto i pulsanti del menu principale: salvataggio, caricamento, uscita ecc; in basso l’inventario.
Gli oggetti si usano trascinandoli sullo schermo e per osservarli da vicino va premuto il tasto destro.
I salvataggi sono soltanto 10.

Conclusioni – Un gioco per principianti, con qualche pretesa che però non viene mantenuta specie dal punto di vista della grafica. La durata è troppo breve anche per un gioco di 19€.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...