INTRIGUE AT OAKHAVEN PLANTATION

  • Genere: Puzzle game
  • Editore: Cindy Pondillo
  • Sviluppatore: Cindy Pondillo
  • Rilascio: 2006
  • Tipo: 2D P & C in prima persona
  • Lingua: Inglese
  • Età consigliata: 10 +
  • Durata: 4 – 6 ore

 

  • Difficoltà:   
  • Voto di P& C:      

Requisiti minimi richiesti:
Windows 95/98/ME/2000/XP – Pentium 500 MHz – RAM 32 MB – DirectX 5 o sup. – Scheda Video e audio compatibili DirectX

 

Recensione di Aspide Gioconda

LA STORIA

Daphne arriva ad una vecchia casa coloniale del profondo Sud, in Louisiana, invitata dalla propria nonna che ha qualcosa di importante da dirle.
L’invito è esteso anche a suo cugino Dominic e la ragione è che la nonna lascerà tutta la piantagione in eredità a chi dei due saprà risolvere gli enigmi sparsi per la casa.

IL GIOCO

Grafica – Il gioco, in prima persona, ha una grafica 2D con fondali riccamente disegnati e avanzamento direzionale obbligato. L’azione si svolge quasi interamente nelle stanze della casa che sono descritte accuratamente, con dovizia di particolari che le rende gradevoli e aderenti allo stile coloniale del ricco sud degli Stati Uniti.
Le locazioni non sono esplorabili, si può soltanto interagire con alcuni oggetti che in esse sono collocati e si passa alla posizione precedente per mezzo di una maniglia posta in basso a sinistra.
Le stanze accessibili sono circa 14 più i corridoi; per quanto riguarda l’esterno ci sono solo alcune brevi escursioni lungo il fiume e altre due locazioni dove troveremo le maghe voodoo, ben caratterizzate graficamente. In una di queste c’è anche la possibilità di farsi fare i tarocchi.
I personaggi sono pochi, tre principalmente, statici, mentre i protagonisti si possono vedere solo nelle immagini di inventario.
Il gioco appare agile e leggero, non ha presentato alcun problema di funzionamento e può essere usato con qualunque sistema operativo.

Sonoro – La musica è molto varia e gradevole, va dal jazz, al classico, al moderno. Il gioco non è parlato ma solo sottotitolato e a tratti intervengono rumori d’ambiente.

Enigmi – Gli enigmi sono la parte sostanziale del gioco in quanto la storia non ha evoluzioni significative se non nella lettura dei vari diari trovati in giro.
Molti enigmi, diversi e originali; non è strettamente necessario conoscere la lingua per risolverli perché sono tutti piuttosto facili e intuitivi. Ci sono slider, puzzles, semplici anagrammi, combinazioni di inventario ecc, ma è garantito che non serve una soluzione per risolverli. Si potrebbe quasi pensare che il gioco sia stato realizzato per principianti o per ragazzi.
C’è solo un giochino irritante in cui bisogna cliccare sulle bambole voodoo in un tempo limitato, ma nella soluzione ho rivelato il modo per superarlo.
Enigmi semplici ma non banali, tuttavia una maggiore complessità avrebbe dato a questa avventura un peso specifico diverso; forse la scelta degli autori è stata quella di fornire un passatempo non troppo impegnativo e stressante. Va bene così.

Interfaccia – E’ molto semplice e funzionale. Il gioco si gestisce interamente da mouse: spostando il cursore sulla parte alta dello schermo si accede alle opzioni di gioco e all’inventario.
Si clicca sull’oggetto in inventario e sul luogo della schermata in cui si intende usarlo. Per uscire dall’inventario si clicca con il tasto destro.

Conclusioni – Qualche ora di piacevole divertimento senza troppo impegno e in un ambiente grafico assai gradevole.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...