QIN – Tomb of the Middle Kingdom

  • Genere: Avventura archeo
  • Editore: Time Warner Electronic Publishing
  • Sviluppatore: Learn Technologies Interactive
  • Rilascio: 1996
  • Tipo: 2/3D P & C in prima persona
  • Lingua: Inglese
  • Età consigliata: 12 +
  • Durata: 8-10 ore

 

  • Difficoltà:   
  • Voto di P& C:      

Requisiti minimi richiesti:
Pc 486/33 – Win 3.1 o sup. 8MB ram – CDrom 2x – Scheda video SVGA 256 colori – Scheda audio SB compatibile – Tastiera – Mouse

 

Recensione di Aspide Gioconda

LA STORIA

Un fratello minore di Myst ambientato in Cina dove il giocatore impersona un archeologo che si propone di riportare alla luce la tomba di un re cinese ma in realtà è incaricato di cercare un elisir dell’immortalità che si dice sia celato nei segreti della tomba.
Un terremoto lo sprofonda nella cavità e lì inizia l’avventura che potrà concludersi con 4 finali diversi.
Il gioco non manca di una certa atmosfera suggestiva che lo rende gradevole e abbastanza coinvolgente.

IL GIOCO

Grafica – Malgrado la configurazione di 460×640 a 256 colori, richiesta per giocare a pieno schermo, la grafica si presenta abbastanza nitida specie nei fondali in esterno, mentre negli interni è più sfocata e scura.
L’ambientazione è curata, sobria, con punte di buona scenografia .L’avanzamento procede per schermate ed è guidato da una bussola con 4 frecce che si comanda con il mouse, ma può essere guidato più comodamente dalle frecce della tastiera.
Il cursore del mouse indica gli oggetti su cui si può agire, cambiando leggermente forma. La risposta ai comandi è sufficientemente pronta specie se si usa la tastiera, mentre la combinazione mouse tastiera risulta piuttosto macchinosa. Le animazioni sono poche, di breve durata e si limitano per lo più al movimento degli oggetti su cui si agisce.
Come ho detto, ci sono 4 finali che si risolvono con 4 scritti diversi. Francamente sarebbe stato preferibile un solo finale che desse un senso più conclusivo, più scenografico al gioco che non 4 articoli di giornale che lasciano a bocca asciutta.

Sonoro – Tutto il gioco è accompagnato da un motivo suonato sul sitar o strumento similare. Una melodia piacevole e molto adeguata all’ambiente .
Il genere di gioco, la scarsa luminosità e la musica orientaleggiante e ripetitiva finiscono per procurare un effetto soporifero, per cui è consigliabile mettere l’audio al minimo. Alcune sequenze sono parlate in cinese e i rumori si limitano ai meccanismi usati.

Enigmi -Diciamo pure che gli enigmi sono piuttosto semplici. Per la maggior parte si tratta di esplorare gli ambienti e trovare punti sensibili su cui cliccare e i pochi puzzle non presentano alcuna vera difficoltà. Non c’è inventario perché i pochi oggetti che si possono prendere vanno usati nelle locazioni stesse.
C’è piuttosto da notare che un paio di enigmi risultano del tutto sballati per un evidente errore dei programmatori, Uno è quello della bussola in cui bisogna indicare l’orientamento della mummia: la soluzione del puzzle è completamente diversa da quella che sarebbe logica e si arriva a superarlo solo azzeccando fortunosamente la combinazione.
Un altro è l’enigma musicale: si dovrebbe riprodurre una breve melodia ma in realtà il motivo accettato è diverso da quello proposto.. Sono errori gravi in un gioco che è di per sé molto breve ed anche scarso di enigmi di qualche peso specifico.

Interfaccia -Sulla parte alta dello schermo si trovano 4 icone: una per consultare l’enciclopedia sulla storia e la civiltà cinese, una per evidenziare la mappa del sito in cui ci si trova, una per tradurre le scritte che si incontrano, una per accedere al menu principale.
Il menu offre le opzioni standard e i salvataggi con interfaccia windows sono illimitati.
Nella parte bassa della schermata si trova a sinistra la bussola con le frecce per guidare i movimenti, a destra una bussola che indica la posizione rispetto ai punti cardinali.

Conclusioni – Un gioco con alcuni limiti : gli errori nella soluzione di un paio enigmi, la brevità e la semplicità degli enigmi, un finale deludente. Tuttavia è un gioco che nel suo insieme si lascia apprezzare per una certa atmosfera cupa, se vogliamo, ma che non manca di una certa suggestione. Inoltre è un gioco istruttivo perché avvicina ad una civiltà che conosciamo forse troppo poco.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...